Animal Crossing: New Horizons

Segui Acquista ora

Animal Crossing: New Horizons è stato rinviato

Animal Crossing: New Horizons

Sempre più lavoratori all’interno del settore dei videogiochi si sono sentiti abbastanza coraggiosi da farsi avanti su alcuni problemi recenti e, mentre speriamo che ciò possa creare enormi passi avanti per la cultura del lavoro nell’industria, sembrerebbe che Nintendo stia già gestendo il problema in modo ammirevole, segnala Nintendolife.

Poco fa, è stato rivelato che Animal Crossing: New Horizons, il titolo più recente della serie diretta su Switch, è stato rimandato fino al prossimo anno, “per garantire che il gioco sia il migliore possibile“. Naturalmente, questo suggerirebbe che il gioco non è ancora in uno stato adatto per il lancio, con ancora parecchi mesi di lavoro necessari prima che il team possa essere veramente soddisfatto.

Parlando con IGN, il presidente di Nintendo of America, Doug Bowser, ha affrontato entrambi questi argomenti e in che modo sono effettivamente collegati. Fa notare che la compagnia “non porterà un gioco sul mercato prima che sia pronto” e aggiunge che Nintendo preferisce ritardare il titolo per tutto il tempo necessario, piuttosto che costringere lo staff a orari estremi di lavoro per ottenere il gioco quest’anno.

Per noi, uno dei nostri principi chiave, è portare un sorriso sui volti delle persone e ne parliamo sempre. È la nostra visione, o la nostra missione, dovrei dire. Per noi, questo vale anche per i nostri dipendenti. Dobbiamo assicurarci che i nostri dipendenti abbiano un buon equilibrio tra lavoro e vita privata“.

Uno di questi esempi è che non introdurremo un gioco sul mercato prima che sia pronto“, in riferimento ad Animal Crossing. “È davvero importante avere questo equilibrio nel nostro mondo. In realtà è qualcosa di cui siamo orgogliosi.”

Sicuramente questo è un approccio che porterà benefici allo staff di Nintendo e ai suoi fan. Ai nostri occhi, un ritardo per un gioco è più che utile se fornisce ai suoi creatori il tempo e l’energia giusti per renderlo il migliore possibile.

Appassionata di giochi di ruolo giapponesi, genere che ha scoperto grazie alla saga Final Fantasy e approfondito con i capolavori usciti negli ultimi anni, s’interessa al retrogaming, rigiocando vecchie glorie come Monkey Island, Prince of Persia o vecchi capolavori marchiati Nintendo. Antonella comincia il suo percorso giornalistico in Italia, lavorando con Gamerepublic, PS Mania e Pokémon Mania. Si trasferisce in Francia per studiare la programmazione web : grazie a questo percorso anomalo ecco che nasce Gamespeed.
Quanto è interessante?1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (1 voto/i, media: 5,00 su 5)
Loading...

1 Commento

  1. devil non è gravissimo, un anno in più o un anno in meno… cool

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi attributi e tag HTML: <a target="" href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <img src="" height="" width="" alt="" title=""> <table border="" style=""> <iframe frameborder="" allowfullscreen="" src="" width="" height=""> <div class=""> <tbody style=""> <tr style=""> <td style=""> <sub> <sup> <pre lang="" line=""> <ul style=""> <ol style=""> <li style=""> <span class="" style=""> <noindex>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Password dimenticata

Vai alla barra degli strumenti