Nintendo Switch

Segui Acquista ora
9

Media utenti

Electronic Arts: ecco perché ha supportato poco Switch

Electronic Arts

Il CEO di Electronic Arts Andrew Wilson ha spiegato perché la compagnia ha supportato poco Switch, la nuova console ibrida di Nintendo.

Di seguito ecco le sue dichiarazioni durante la recente riunione con i suoi azionisti:

Ogni volta che iniziamo a discutere di piattaforme andiamo a toccare alcuni punti. Una è se quel gioco riuscirà ad integrarsi nell’ecosistema (in termini di controllo e di community) di quella data piattaforma mentre l’altra è se la community andrà ad apprezzare il gioco su tale piattaforma o se preferirà giocarci altrove. Abbiamo molti dati che ci dicono che molti possessori di Switch hanno anche PS4, Xbox One e PC, e molte volte scelgono di giocare i nostri giochi su tali piattaforme, anche se giocano diversi altri titoli su Switch.

Sempre durante la stessa riunione, Wilson ha discusso i piani della compagnia riguardo alle infrastrutture digitali:

Abbiamo lavorato su questo modello (cloud, abbonamenti e infrastrutture digitali) per diversi anni, per assicurarci di essere pronti per il futuro. Ora mentre pensiamo a Cloud ed abbonamenti, abbiamo comprato una piccola compagnia di Israele che ci darà una buona spinta. Abbiamo lavorato per costruire una struttura organizzativa che ruota attorno agli abbonamenti, per questo ci sentiamo sicuri riguardo il futuro in tale campo.

nintendo switch

Nintendo Switch, inizialmente conosciuto con il nome in codice di NX, è una console ibrida sviluppata da Nintendo e distribuita in tutto il mondo a partire dal 3 marzo 2017.

FONTE: IGN

Appassionata di giochi di ruolo giapponesi, genere che ha scoperto grazie alla saga Final Fantasy e approfondito con i capolavori usciti negli ultimi anni, s’interessa al retrogaming, rigiocando vecchie glorie come Monkey Island, Prince of Persia o vecchi capolavori marchiati Nintendo. Antonella comincia il suo percorso giornalistico in Italia, lavorando con Gamerepublic, PS Mania e Pokémon Mania. Si trasferisce in Francia per studiare la programmazione web : grazie a questo percorso anomalo ecco che nasce Gamespeed.
Quanto è interessante?1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle
(Ancora nessuna valutazione)
Loading...

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi attributi e tag HTML: <a target="" href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> <img src="" height="" width="" alt="" title=""> <table border="" style=""> <iframe frameborder="" allowfullscreen="" src="" width="" height=""> <div class=""> <tbody style=""> <tr style=""> <td style=""> <sub> <sup> <pre lang="" line=""> <ul style=""> <ol style=""> <li style=""> <span class="" style=""> <noindex>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Password dimenticata

Vai alla barra degli strumenti